Incontri Musicali a Villa La Quercia
I Edizione

Antonella Moles, clavicembalo
Giovedì 29 maggio 2014 ore 20.00
Villa La Quercia Resort B&B
Contrada Varco 26, San Salvatore Telesino, BN

PROGRAMMA

Anonimo sec. XVII m.s. Roma-Archivio Doria Pamphilj
Toccata e Aria di Fiorenza

Giovanni Salvatore (sec. XVIII - 1688)
Toccata seconda del nono tuono naturale
Durezze e Ligature

Andrea Gabrieli (Venezia 1510 ca. - 1586)
Ricercare nono tono

Bernardo Storace (a Messina nel 1664)
Ciaccona

Claudio Merulo (Parma 1533-1604)
Toccata quarta del secondo tuono
Onques amour

Antonio Carreira (? 1525 ca.- Lisbona 1587/97)
Cancao a 4

Antonio Valente (a Napoli dal 1565)
Fantasia primo modo
Gagliarda napolitana

Domenico Scarlatti (Napoli 1685 - Madrid 1757)
Sonata in Re magg. K. 490 Cantabile
Sonata in Re magg. K. 492 Presto
Sonata in Mi min. K. 402 Andante
Sonata in La min. K. 175 Allegro
Sonata in Re min. K. 64 Gavotta

Georg F. Händel (Halle 1685 - Londra 1759)
Chaconne e 21 variazioni in Sol magg. HWV 435

INGRESSO LIBERO

Antonella Moles
Napoletana, si è diplomata in pianoforte nel 1986 con Laura De Fusco presso il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli e in clavicembalo nel 1989 con Paola Bernardi al Santa Cecilia di Roma. Ha seguito corsi di perfezionamento di Organo rinascimentale e barocco sugli strumenti storici di Brescia, Arezzo, Siena e Venezia con Christopher Stembridge. Corsi di Clavicembalo con Bob van Asperen, Gordon Murray Kenneth Gilbert. Ha collaborato come pianista e clavicembalista con varie istituzioni musicali fra cui: Biennale di Venezia, Università per Stranieri di Perugia, Teatro dell'Opera di Roma, Centrum voor Steinepedagogie di Anversa, Kay Won Arts School di Seoul. Ha partecipato alla serie televisiva “Donne in Musica” RAI 3 per l'esecuzione di brani inediti del sec. XVIII . CD - Concerto di Schnittke. Per alcuni anni è stata ricercatrice e bibliotecaria dell'Istituto di Ricerca per il Teatro Musicale di Roma, attualmente è a Benevento titolare della cattedra di Clavicembalo. E' organista della Chiesa di Santa Barbara de' Librari, in Roma, dove c'è un prezioso strumento storico di primo Seicento (con ottava corta, e diapason a 398Hz) di scuola napoletana.