Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli
Vespri d'Organo - IX Edizione


Antonio Varriano, organo
Venerdì 27 marzo 2015 ore 19.30
Chiesa dell'Immacolata al Vomero, Napoli [Map]

Meditazioni di Padre Leonardo Mollica OFM CONV.

PROGRAMMA

Nicolaus Bruhns (1665 - 1697)
Preludio e fuga in Mi min. (grande)

Johann Sebastian Bach (1865 - 1750)
O Mensch, bewein’ dein’ Sünde gross BWV622
Trio super Herr Jesu Christ, dich zu uns wend BWV 655
Jesus Christus, unser Heiland, der von uns BWV 666
Preludio e fuga in Si min. BWV 544

Cesar Franck (1822 - 1890)
Grande Pièce Symphonique in Fa diesis min. op. 17

Andantino serioso – Allegro non troppo e maestoso
Andante – Allegro – Andante
Allegro non troppo e maestoso

INGRESSO LIBERO

Antonio Varriano ha studiato Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “L. Perosi” di Campobasso sotto la guida di Alberto Pavoni, e Clavicembalo con Barbara Vignanelli; presso lo stesso conservatorio ha conseguito, col massimo dei voti e la lode, la Laurea specialistica sperimentale in Discipline Musicali (2006) con Francesco Di Lernia.
Dopo aver frequentato numerosi corsi d’interpretazione organistica con i più rappresentativi maestri di fama internazionale (H. Vogel, M. Radulescu, M. Chapuis – Accademia di Musica Italiana per Organo di Pistoia; D. Roth, E. Kooiman – Corsi annuali di Cremona; M. Haselböck – Musikhoochschüle di Lubecca), si è trasferito in Olanda dove ha conseguito il Diploma d’Organo al Conservatorio di Musica di Rotterdam (1997), studiando con Bernard Winsemius e Ben van Oosten.
Ha seguito inoltre corsi di Canto gregoriano con Guido Milanese, con Dom Daniel Saulnier O.S.R. e con Don Alberto Turco.
È II premio al concorso organistico di Vallelonga (VV) edizione del 1997.
Ha partecipato a numerosi festival e rassegne internazionali esibendosi in sedi prestigiose in Italia e all’estero.
Ha collaborato come organista (continuista e solista) con l’Orchestra Regionale del Molise, l’Orchestra molisana “Musika rara” e l’”Orchestra da Camera di Ravenna.
È organista della Chiesa di S. Antonio Abate di Campobasso dove suona un organo del 1696/7 (unico strumento antico superstite della città e forse uno dei più antichi del Molise) attribuito alla Famiglia D’Onofrio e dove è direttore artistico della rassegna organistica “Suoni antichi”.
Per l’Istituto di Letteratura Musicale Concentrazionaria di Barletta ha registrato un concerto, trasmesso da Radiovaticana, con musiche di P. Th. Schwake O.S.B. (Missa Dachoviensis per coro maschile, ottoni e organo – in prima esecuzione italiana) e Pietro Feletti (8 pezzi per il libro di Fullen per baritono, coro maschile e organo – in prima esecuzione mondiale), poi raccolte in un cd edito da KZ Musik.
Già docente presso diversi Conservatori, dal 2009 insegna Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “N. Sala” di Benevento.