Incontri Musicali a Villa La Quercia
III Edizione

Orazio Maione & Marco Scolastra, pianoforte a quattro mani 
Sabato 9 gennaio 2016 ore 18.30
Villa La Quercia Resort B&B
Contrada Varco 26, San Salvatore Telesino, BN

PROGRAMMA

Orchestra e salotto nell'Ottocento di Brahms


PROGRAMMA

Johannes Brahms (Amburgo, 1833 - Vienna, 1897)
Concerto n. 1 in re minore op. 15 per pianoforte e orchestra
trascrizione dell’Autore per pianoforte a 4 mani

Maestoso
Adagio
Allegro non troppo

Sedici Walzer op. 39

Ungarische Tänze
III quaderno

Poco Andante
Presto
Andantino grazioso
Un poco Andante
Allegretto grazioso
Con moto

INGRESSO LIBERO

Orazio Maione è nato a Napoli e si è affermato giovanissimo come vincitoredi concorsi pianistici nazionali e internazionali. La sua formazione ha avuto nella madre, Annamaria Pennella e in Aldo Ciccolini e Nikita Magaloff i suoi punti di riferimento. Ha debuttato a vent'anni al Teatro San Carlo di Napoli e in seguito ha svolto attività concertistica per alcune tra le maggiori istituzioni musicali italiane, come solista, camerista e con importanti istituzioni sinfoniche (Amici della Musica di Perugia e Palermo, Società del Quartetto e Orchestra Verdi di Milano, Accademia Filarmonica e IUC di Roma, Teatro Lirico di Cagliari). Nel 1986, a 23 anni, ha vinto la terza edizione del prestigioso concorso pianistico internazionale di Pretoria (Sudafrica). All’estero è stato ospite di istituzioni quali i teatri del Louvre e Chatelet a Parigi e per i concerti di St. John’s Smith Square a Londra. Ha effettuato registrazioni per enti radiotelevisivi italiani e stranieri e per l’etichetta discografica IMP Classic, England. Ha inciso l’integrale dei 27 Studi di F. Chopin, pubblicati nell’ottobre 2012 dalla rivista Suonare News, che sono stati anche oggetto di seminari tenuti in Conservatori italiani e stranieri; suoi video dedicati al metodo pianistico chopiniano, e all’applicazione di suoi principi attraverso l’esecuzione ed analisi di sue composizioni, sono presenti in internet nel canale DidatticaInWeb del Conservatorio “Lorenzo Perosi” di Campobasso. Ha curato cicli di trasmissioni radiofoniche sul repertorio pianistico ed è autore di articoli, traduzioni e pubblicazioni per gli editori Curci ed EDT-DeSono: per quest’ultimo ha pubblicato il saggio I Conservatori di musica durante il fascismo. La riforma del 1930: storia e documenti. È stato docente ospite di istituti di formazione superiore di Spagna, Portogallo, Germania, Romania, Turchia, USA e Canada. Nel novembre 2014 ha partecipato ai festeggiamenti del teatro San Carlo di Napoli eseguendo il quintetto per pf. e archi di Franco Alfano, straordinario compositore partenopeo della prima metà del Novecento cui è legato da storia familiare. Dal 2014 è Steinway Artist, una ristretta lista di pianisti patrocinata dalla prestigiosa fabbrica tedesca. Attualmente vive a Roma ed è titolare di cattedra presso il Conservatorio “Alfredo Casella” di L’Aquila.

Marco Scolastra, pianosta. Ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio“F. Morlacchi” di Perugia diplomandosi con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di Franco Fabiani. Ha studiato successivamente per alcuni anni con Aldo Ciccolini ed Ennio Pastorino ed ha frequentato corsi di perfezionamento con Lya De Barberiis, Paul Badura-Skoda, Dario De Rosa e - presso l’Accademia Chigiana di Siena - con Joaquin Achucarro e Katia Labèque.Come solista, in formazioni  Teatro Valli di Reggio Emilia, Sagra Musicale Umbra, Teatro Lirico di Cagliari, Accademia Filarmonica Romana, Oratorio del Gonfalone, Auditorium Parco della Musica e Teatro dell’Opera di Roma, Teatro Regio di Parma, Auditorium dell’Orchestra “G. Verdi” di Milano, Teatro Comunale di Bologna, Festival dei Due Mondi di Spoleto, MusicaRivaFestival, Ravello Festival, Teatro La Fenice di Venezia, “I concerti del Quirinale” in diretta Rai Radio3, Festival di Noto, Teatro di San Carlo di Napoli. All’estero ha suonato al Conservatorio “P. I. Cajkovskij” di Mosca, Tonhalle e ZKO-Haus di Zurigo, Konzerthaus di Berna, Istituto “F. Chopin” e Collegium Nobilium di Varsavia, Orchestre National du Capitole di Tolosa, Festival van Vlaanderen in Belgio. Altri concerti in Giappone, Emirati Arabi, Messico, Gran Bretagna, Germania. Come solista ha suonato sotto la guida di importanti direttori d’orchestra quali Romano Gandolfi (Orchestra Sinfonica “G. Verdi” di Milano), Howard Griffits (Orchestra da Camera di Zurigo), Richard Hickox, Claudio Scimone (I Solisti Veneti), Lior Shambadal (Berliner Symphoniker), Andrew Constantine (Nordwestdeutsche Philharmonie). Dal 1993 suona stabilmente in duo pianistico con Sebastiano Brusco e dal 2000 svolge intensa attività concertistica con l’attore Elio Pandolfi. Ha collaborato con grandi nomi della musica e del teatro quali Vadim Brodski, Renato Bruson, Max René Cosotti, Roberto Fabbriciani, Arnoldo Foà, Fejes Quartet, Corrado Giuffredi, Raina Kabaivanska, Daniela Mazzucato, Quartetto d’Archi del Teatro di San Carlo, Marianna Pizzolato, Jerzy Radziwilowicz, Desirée Rancatore, Ugo Pagliai. Ha registrato per Phoenix Classics, Stradivarius e - per l’etichetta Brilliant Classics - l’integrale dei Lieder di Richard Wagner con il soprano Michela Sburlati. Sue esecuzioni e registrazioni sono state trasmesse da emittenti nazionali (Rai Radio1, Rai2, Rai Radio3, Rai International, Filodiffusione Canale5) e estere. Ha partecipato a varie puntate del programma Inventare il tempo di Sandro Cappelletto, con la regia di Angelo Bozzolini, in onda su Rai5.