Rassegna Culturale S. Giovanna Antida Thouret

Vespri in musica a Santa Maria Regina Coeli - II Edizione

Le Musiche da Camera

Ensamble Barocco di Napoli

Sabato 15 ottobre 2016 ore 19.00

Francesco Divito, soprano
Rosa Montano, mezzosoprano
Egidio Mastrominico, maestro di Concerto e violino primo
Federico Valerio, violino II
Giorgio Bottiglioni, viola
Leonardo Massa, violoncello
Debora Capitanio, clavicembalo

Monastero Santa Maria Regina Coeli, Napoli


PROGRAMMA

Introduzione a cura del Dott. Angelo Scarpati


Alessandro Speranza (1728 - 1797)
maestro di cappella nel Monastero di Regina Coeli dal 1773 al 1789
Regina Coeli

Johann Sebastian Bach (1685 - 1750)
Aria dalla Suite n. 3 in re maggiore BWV 1068

Giovan Battista Pergolesi (1710 - 1736)
Salve Regina in La min. a voce sola con violini°

Nicola Porpora (1686 - 1768)
Salve Regina in re maggiore ad alto solo con strumenti*

Georg Friedrich Händel (1685 - 1759)
Ombra mai fu (Aria di Serse dal “Serse”)
Lascia ch’io pianga (Aria di Almirene dal “Rinaldo”)

Gaetano Latilla (1711- 1788)
Salve Regina a due con strumenti*

*Trascrizioni moderne a cura di Egidio Mastrominico
° Trascrizioni moderne a cura di Maurizio Machella

INGRESSO LIBERO

Francesco Divito per uno straordinario caso della natura, non ha subìto la muta vocale, pertanto la sua voce naturale è quella del soprano ma con la potenza polmonare maschile. Tali caratteristiche gli hanno permesso di fare rivivere il repertorio trascendentale dei cantanti castrati del Sei e Settecento nel modo più ‘filologico’ possibile, ovvero con un’emissione vocale non di falsetto ma, appunto, naturale. Il suo repertorio di musica barocca spazia nei generi operistico, sacro e da camera dei maggiori compositori del settecento con particolare predilezione per la scuola Napoletana e alle musiche più virtuosistiche di quegli autori.
Dopo i primi studi pianistici e organistici al conservatorio di Foggia, ha concentrato i suoi studi sulla vocalità antica e barocca, intraprendendo l’attività di madrigalista e di cantante solista. Ha studiato canto sotto la guida di G.Naviglio, F. Zanasi, A. Fernandez, R. Dominguez, e approfondito aspetti di tecnica vocale e prassi esecutiva con M. Maute, L. Bertotti, R. M. Meister, conseguendo il Diploma Accademico di Triennale in Musica Antica - Canto rinascimentale e barocco con il massimo dei voti, lode e menzione d’onore presso il Conservatorio “Licinio Refice” di Frosinone sotto la guida di Teresa Chirico. Esordisce come sopranista nel 2005 presso il Conservatorio "O. Respighi", nel 2007 interpreta il ruolo della Regina della Notte in Die Zauberflöte di Mozart in una tournée in Galles. Nel 2009 arriva in finale al VI Concorso Internazionale di Canto Barocco “Francesco Provenzale” bandito dal Centro di Musica Antica Pietà de’ Turchini di Napoli, e nello stesso anno fa il suo esordio al Festival Barocco di Viterbo. Nel 2010 debutta in teatro come Serpina ne La serva padrona di G. B. Pergolesi. Nell'aprile 2011 è stato finalista al Premio nazionale delle Arti indetto dal MIUR, tenutosi a Benevento. Ha al suo attivo numerose concerti e recitals da solista nel repertorio operistico, sacro e da camera in Italia e all’estero, ospite di numerosi festivals come, Le voci degli angeli, La via Francigena del sud 2012 e 2013, Musica a quattro di Carpi, “Note nel mito”, Che c’è di bello? La musica ai Musei Vaticani (2012, Vox angelica e suoni ritrovati), L'Architasto, Festival Euro Mediterraneo di Roma, Festwochen der Alten Musik di Innsbruck, Festival Opera barocca di Praga e altri festival consacrati alla vocalità barocca. Nel 2013 ha ricoperto il ruolo di Learco in Talestri, regina delle amazzoni” opera di Maria Antonia Walpurgisal presso il Kosmos Theater di Vienna. Nel 2015 ha svolto una tourneè in Portogallo e qui ha partecipato alla registrazione del disco in prima esecuzione moderna Vespro della Beata Vergine di Laureco Rebelo, e ha cantato nella serenata inedita “L’isola disabitata” di David Perez diretto da Massimo Mazzeo con L’ensemble Divino Sospiro. Nel giugno 2015 viene chiamato dal regista Matteo Garrone partecipando come “Musico di corte” nel film “Il Racconto dei Racconti”. È stato diretto da numerosi direttori specializzati nel repertorio antico (Francesca Vicari, Stefano Sabene, Flavio Emilio Scogna, Giorgio Mattioli, Alessandro De Marchi, Gabriel Garrido) ed ha collaborato e collabora con diversi ensembles di musica antica, tra cui Chiaroscuro, Ricercare Antico, La Selva, Festa rustica, Divino Sospiro, Academia Montis Regalis diretto dal M° Alessandro De Marchi sotto la cui direzione ha interpretato più volte il ruolo di Liscione ne La Dirindina di Domenico Scarlatti, aprendo l’opera con l’aria “Son qual nave” di Riccardo Broschi nel 2013. Dal 2015 collabora con l'ensemble Le Musiche Da Camera di Napoli con il quale ha proposto musica sacra inedita del barocco Napoletano do G.Manna, N.Sala, G. Latilla. Ha inciso per l'etichetta TACTUS il CD In turbato mare irato, con arie virtuosistiche rare e celeberrime di Händel, Vivaldi, Duni, Giacomelli, scritte per castrati, con l'orchestra Benedetto Marcello e la direzione di Flavio Emilio Scogna, uscito nel novembre 2011. Ha in preparazione altre collaborazioni con le etichette TACTUS, BRILLIANT, previste tra il 2016 e il 2017.

Rosa Montano, mezzosoprano, diplomata in canto e pianoforte, laureata in lettere classiche. Motivata dalla formazione filologica, come interprete si è dedicata alla riscoperta e alla divulgazione con l’Ensemble “Le Musiche da Camera” degli intermezzi inediti del ‘700 napoletano, repertorio delle celebri “buffe” dell’epoca., rappresentati nell’ambito di importanti festival e rassegne di musica antica e registrati per l’etichetta Bongiovanni. In campo organizzativo da alcuni anni porta avanti “Opera bon bon – progetto per il teatro musicale da camera contemporaneo” in collaborazione con l’Ass. Area Arte ed il Teatro Sancarluccio di Napoli; in questo contesto si sta dedicando al genere della favola musicale con il compositore napoletano Livio De Luca. Pratica inoltre regolarmente la liederistica e la musica sacra, collaborando con varie associazioni ed enti di rilievo nazionale. E’ docente presso il Conservatorio di Musica “Nicola Sala” di Benevento.

Le Musiche da Camera è una delle formazioni più longeve di musica antica a Napoli. Fondato nel 1992 da Egidio Mastrominico, l'ensemble, di formazione variabile, ha indirizzato sin dall’inizio la propria attività alla riscoperta di brani inediti o poco conosciuti di compositori napoletani dei secoli XVII e XVIII, presentandone numerose opere in prima esecuzione moderna (Sala, Manna, Perez, Mascitti, Latilla) attraverso il recupero della prassi esecutiva d'epoca. È invitato a partecipare a festival, rassegne e stagioni promosse da enti e associazioni di rilevanza nazionale. Dal 2001 assieme all’Associazione Area Arte, che ne cura l’attività, l’ensemble ha dato vita alla rassegna “Convivio Armonico”. In quest’ambito è stato avviato il progetto L’Intermezzo Ritrovato, che ha visto gli allestimenti, in prima esecuzione moderna, di intermezzi di Sarro, Feo, Vinci, Giordano e inoltre di Scarlatti e Pergolesi con grande successo di critica e di pubblico. “Le Musiche da Camera” ha registrato gli Hamilton-Trios di Emanuele Barbella (TACTUS), gli intermezzi Eurilla e Beltramme di Sarro (BONGIOVANNI) e 1700! Si Suona a Napoli - Concerti Napoletani per Traversiere con Renata Cataldi solista (DYNAMIC) riportando recensioni positive su prestigiose riviste specializzate internazionali (Early Music Journal, Fanfare, American Record Guide, Diverdi) ed italiane (Suono, Musica, Amadeus, L'Ape Musicale, Criticaclassica) e vari passaggi radiofonici l'ultimo dei quali per la trasmissione Primo Movimento di Radio 3 che ha dedicato uno speciale al cd Si Suona a Napoli.